← Indietro

Le perle del Lago Maggiore

Nelle terre della famiglia Borromeo, sul lato piemontese di questo grande lago alpino.

Le perle del Lago Maggiore

Ville lussuose e panorami mozzafiato: sono queste le caratteristiche principali del Lago Maggiore e dei suoi meravigliosi borghi affacciati sul lungolago.

Il percorso per ammirare la sponda piemontese di questo grande lago alpino comincia da Arona, incantevole paesino che diede i natali a San Carlo Borromeo. Il celebre santo è ricordato con l'imponente Colosso di San Carlo, statua bronzea alta 35 metri e visitabile anche dall'interno.

La Rocca Borromea testimonia l'importanza strategica di Arona, ancora oggi importante porto lacustre, ma è ormai ridotta a pochi ruderi. Nel centro del borgo cittadino, da vedere la Collegiata della Natività di Maria Vergine, la Chiesa dei Santissimi Martiri e la seicentesca Chiesa della Madonna di Loreto.

Proseguendo verso nord lungo le sponde del lago, Villa Faraggiana è l'attrattiva più importante dell'incantevole borgo di Meina, mentre nella vicina Lesa si può visitare Villa Stampa. Oggi questa residenza è stata trasformata in Museo Manzoniano, in onore dello scrittore che qui trascorse lunghi soggiorni. Da non perdere a Lesa anche la settecentesca Parrocchiale di San Martino. Villa Carlotta è invece il gioiello più prezioso di Belgirate, ultima tappa prima di arrivare a Stresa.

Noto centro turistico per vacanze di charme, Stresa vanta numerose residenze nobiliari oggi trasformate in alberghi di lusso. In paese meritano una visita la Chiesa di Sant'Ambrogio e la Villa Ducale, dove morì il filosofo Antonio Rosmini nel 1855 e dove ha sede il centro di studi a lui dedicato. Con la sua varietà botanica, ma soprattutto con la vista mozzafiato sul lago che dona, è tappa obbligatoria il Parco di Villa Pallavicino.

Visibili da molti punti d'osservazione, le Isole Borromee sono raggiungibili da Stresa in pochi minuti di navigazione. L'Isola Madre è la più grande e ospita un bellissimo palazzo della famiglia Borromeo, ma l'Isola Bella non smentisce il suo nome, donando emozioni indimenticabili nelle stanze della lussuosa Villa Borromeo e nell'incantevole giardino. Meno aristocratica ma ugualmente pittoresca, merita una visita anche l'Isola dei Pescatori. Non grandi ville, ma un borgo delizioso.

Lasciata Stresa ci si sposta a Baveno, famosa per le sue cave di granito rosa, da cui partirono anche i marmi con cui è stato costruito il Duomo di Milano. Baveno assunse una notevole importanza turistica dall'Ottocento in poi e vanta un grazioso imbarcadero in stile liberty. Da non perdere uno sguardo alla Chiesa dei Santi Gervasio e Protasio: un campanile romanico, il battistero e un portichetto settecentesco creano una mescolanza di stili unica.

Ultima tappa è Verbania, diventata recentemente capoluogo di provincia. È chiamata anche "Giardino sul Lago Maggiore", perché sono diversi i parchi da cui si può godere una spettacolare vista sul Golfo Borromeo e sulle sue Isole. Il Parco di Villa Taranto è il caso più evidente: bellezza al suo interno e fuori. Da visitare soprattutto nel periodo della fioritura, in primavera, dona delle emozioni indimenticabili con le sue incredibili varietà botaniche (che gli sono valse il soprannome di "Museo di rarità") e per il panorama che regala.

Itinerari

Località principali

Hotel nelle vicinanze

0.00 Km

Casali della Cisterna

Belgirate

0.00 Km

Villa e Palazzo Aminta

Stresa

0.00 Km

Hotel Simplon

Baveno (Lago Maggiore)

0.00 Km

Villa Claudia Dal Pozzo

Belgirate

0.00 Km

Grand Hotel Dino

Baveno

0.00 Km

Hotel Splendid

Baveno (Lago Maggiore)

0.00 Km

Villa Crespi

Orta San Giulio

0.00 Km

Grand Hotel Bristol

Stresa

Altri link utili
Piemonte e Valle d'Aosta (tutti gli hotel)
Verbania Hotels
Stresa Hotels
Belgirate Hotels